MILANO FINANZA  - 4 maggio 2013

«Il mercato della pay tv dal 2004-2005 ha visto numerosi nuovi operatori sfidare i player dominanti, o in posizione di monopolio, che si erano già consolidati, anche in virtù di fusioni fra operatori concorrenti. (...) Ma di fatto solo dove il cavo prima e l’IPTV dopo hanno avuto una certa penetrazione alcuni operatori, soprattutto sulla base delle offerte triple play (internet a banda larga, telefonia e tv) sono riusciti a ottenere qualche risultato...» 

 

Scarica  il testo completo dell'articolo in formato .pdf

MilanoFinanza040513.pdf
Documento Adobe Acrobat 297.3 KB

D LA REPUBBLICA  - 2 febbraio 2013  

 

«Ormai negli Usa Netflix è il leader del traffico internet» per Emilio Pucci,direttore di e-Media Institute, società angloitaliana di ricerca tra le più serie del settore, «Netflix è responsabile del 28,8 per cento del traffico internetUsa in primetime, cioé in orario dipunta. Per capirci, sempre negli Usa,YouTube è seconda con il 13,1 e iTunesquinta con il 3,43 (...) «Ciò che ha cambiato il mercato è stato il sistema SVOD (Subscription Video on demand) (...) che ha stroncato i precedenti modi diguardare i film: ancora oggi da Apple e la sua iTunes si paga a titolo, scegliendotra un DTO (Download to own) e un DTR (Download to Rent)».

 

Scarica il testo completo dell'articolo in formato .pdf

DLaRepubblica020213.pdf
Documento Adobe Acrobat 352.1 KB